Rausa, i voltagabbana e i traditori

+

E’ solo questione di logica

di GIANFRANCO DE FRANCO

Inconsapevolmente il compagno Mario Rausa (la definizione deriva dal suo passato socialista e dal suo ritorno a sinistra con Pisapia o roba del genere, dopo una consistente parentesi a Destra) ha certificato che i voltagabbana sono Pasquale Verre, Franchino De Rango e Andrea Cuzzocrea. Rausa ha testualmente dichiarato: «… Non mi sono mai mosso, altro che voltagabbana. Il mio pensiero e le mie idee sono esattamente quelle del 2014, quando tutti decidemmo di candidarci con questa coalizione e per questo sindaco…». Se ne deduce che può essere definito voltagabbana chi nel 2014 aveva altri “pensieri” ed era candidato per “altri” sindaci e oggi le sue idee non sono esattamente quelle del 2014. Ergo Verre, Franchino De Rango e Cuzzocrea, stando all’autorevole affermazione del presidente del Consiglio comunale di Rende, possono essere definiti dei voltagabbana.

E’ un principio basilare della logica. Se ci sono 2 oggetti su un tavolo, uno, mettiamo è rosso, l’altro è bianco, se prendiamo in mano l’oggetto rosso, sul tavolo resta l’oggetto bianco.

Se non si può definire “voltagabbana” chi nel 2014 era con Manna e oggi lo è ancora, ne deriva che è vero anche il contrario. Chi nel 2014 non era con Manna e lo è oggi, si può definire un “voltagabbana”. Sfido il compagno Rausa a smentire questa teoria.

Noto anche che il compagno Rausa utilizza il sostantivo “voltagabbana” anziché “traditore”. Si vede che lui è una persona di animo gentile che ha disgusto per il turpiloquio e per le male parole. Non “traditore”, ma “voltagabbana”. E’ giusto, sono perfettamente d’accordo con l’animo gentile del compagno Rausa secondo il quale Verre, Franchino De Rango e Andrea Cuzzocrea non sarebbero “traditori”, ma solo dei “voltagabbana”.

Per chi non lo sapesse, Pasquale Verre è stato candidato a sindaco con il raggruppamento Pd ed è stato l’antagonista di Manna al ballottaggio che lo ha visto soccombere malamente; Franchino De Rango è stato eletto nella lista Rende Riformista che faceva parte della coalizione Pd a sostegno di Pasquale Verre a sindaco. Andrea Cuzzocrea, infine, è stato il candidato sindaco che non è andato al ballottaggio e che si è “apparentato” con Verre in contrapposizione a Manna.

Non so se ho reso l’idea.

(Nella foto in evidenza in senso orario, il compagno Mario Rausa – quello col telefonino in mano – ai tempi in cui era assessore con Bernaudo sindaco, Franchino De Rango e Pasquale Verre)

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the transfers internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *