Contrordine, il sindaco modello non è amico della ‘ndrangheta

+

Contrordine, il sindaco modello
non è amico della ‘ndrangheta

(nella foto in evidenza, Sandro Principe, a sinistra, con Umberto Bernaudo, anche lui coinvolto nella stessa vicenda)

schermata-2016-12-07-alle-00-38-12

Il giornale online “Il Dubbio” ha pubblicato, a firma di Enrico Novi, un articolo sulla vicenda giudiziaria nella quale è incappato Sandro Principe, alla luce della sentenza della Cassazione che ha smontato molte delle sicurezze degli inquirenti.

In particolare Novi scrive: «… Ci si limita a fare affermazioni del tipo che il presunto boss intendeva tenersi amico l’ex sindaco di Rende «in quanto utile per chiedere eventuali favori». Sulla base di simili genericità, i pm di Catanzaro avevano inflitto il secondo colpo fatale all’ex socialista illuminato. Si tratta di procedimento diverso da quello per il quale l’ex sottosegretario è agli arresti, ma le ripercussioni sulla sua detenzione ai domiciliari saranno inevitabili. Si tratterebbe della seconda riabilitazione in poco più di vent’anni per un sindaco che aveva scritto una pagina di storia diversa per la Calabria. E che forse per questo, anche alla magistratura, dev’essere parso troppo capace per essere vero».

Se vuoi leggere l’intero testo:

Vai al pdf

Vai direttamente all’articolo sul sito

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the transfers internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *