Metafore improprie

+

Vacche da Laboratorio

di LORENZO PRINCIPE

Oggi il fantomatico Laboratorio Civico su un noto quotidiano locale definisce la storia del riformismo rendese come “un presunto paradiso riformista, dove tutte le vacche però, erano nere come la notte” paragonandolo addirittura alle famose vacche di Fanfani; a mio parere questa è una totale mancanza di rispetto nei confronti di chi ha speso la vita affinché Rende diventasse la capitale culturale, economica e sociale della Calabria.

Presunti amministratori
ignoranti di storia

La non-rendesità di questi presunti amministratori non può giustificare la loro ignoranza della storia politica della nostra città. Il noto giornalista e saggista Paolo Mieli nel suo ultimo libro “L’arma della memoria” afferma che “l’onesto uso della memoria è il più importante antidoto all’imbarbarimento. E lo è in ogni stagione politica, in ogni momento del dibattito culturale, in ogni epoca della storia”.

Nei tempi difficili in cui oggi sfortunatamente viviamo, l’azione amministrativa che ereditiamo da Cecchino e da Sandro Principe, dovrebbe essere da esempio, dovrebbe fungere da stella polare per gli attuali e per i futuri amministratori della città. Certo come tutte le cose fatte dagli uomini non è perfetta, ma il giudizio storico non può che essere positivo, non può che rappresentare un punto di partenza per chi si accinge nella nobile arte del governare.

Anziché denigrare la gloriosa storia del socialismo rendese, gli attuali governanti dovrebbero prendere spunto da essa, dovrebbero studiare un po’ il percorso straordinario che ha permesso ad un piccolo borgo alle porte di Cosenza di divenire il centro propulsivo dell’attuale area urbana. Se oggi abbiamo la possibilità di parlare di città unica lo si deve a questa storia che, con tutti i suoi possibili difetti, è la più brillante esperienza politica e amministrativa che la nostra regione abbia finora conosciuto.

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the transfers internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *