Diario

ipr

1994-2015

 

Progetto rifondativo per le persone di Rende

17 settembre 2015: Il socio fondatore Gianfranco De Franco ha chiesto l’utilizzo della sala riunioni del museo Civico di Rende. Il sindaco, tramite la dottoressa Roberta Vercillo, ha comunicato l’indisponibilità a concedercela. La dottoressa Vercillo ci ha consigliato di utilizzare una delle sale del Museo del Presente.

Davvero uno strano modo di promuovere il centro storico. A chi vuole andarci, gli consigliano di utilizzare un altro locale situato a Roges.

La motivazione ufficiale è stata la disposizione del commissario Valiante sull’utilizzo della sala del Civico che non potrebbe essere utilizzata per un’assemblea dei soci di un’associazione, ma solo per eventi di alto livello culturale.

Il fatto è che il primo ad utilizzarla per eventi politici è stato il sindaco che la utilizza spesso per incontri prettamente politici come l’incontro con i cittadini di Rende centro  per ascoltare le loro esigenze, mica per parlare delle stupende opere d’arte che il museo ospita.

In altre parole le regole valgono per gli altri, ma non per se stessi. Un modo davvero singolare di amministrare.

Gianfranco De Franco